Il corpo umano e la Kinesiopatia


Vi sono molti modi di “concepire” il corpo.

La Kinesiopatia adotta principalmente due visioni:

La prima è quella della Kinesiologia, ove il corpo è visto come un insieme di leve e ingranaggi attivati da muscoli che si muovono contemporaneamente con la massima armonia possibile, coordinati dal sistema nervoso per consentire di opporsi alla gravità e di spostarsi nell' ambiente.

Quando questo equilibrio è compromesso da motivi fisiologici, alimentari o emotivi il Kinesiopata interviene per ripristinarlo.

La seconda è quella della CSR (meglio conosciuta come Terapia Cranio Sacrale) che vede il corpo come un insieme di elementi (ossa, muscoli, organi e liquido cefalo rachidiano) immersi in un “gel” costituito dal tessuto connettivo fasciale per cui ogni tensione, compresa la “respirazione” del liquido cefalo rachidiano, si trasmette a tutto il sistema.

Questo fenomeno è conosciuto anche in edilizia come “tensegrità” (tensione reciproca alla ricerca dell'integrità) e "ascoltando” manualmente i ritmi del corpo, si può intervenire per ripristinarlo.

Tensegrità Fascia Ascolto

© 2016 Claudio Simonelli Kinesiopata | P.Iva 01646721207